La famosa botnet Android per Google è fatta da PC Windows infetti

La famosa botnet Android per Google è fatta da PC Windows infetti.


La notizia di qualche giorno fa riguardante una pericolosa botnet di dispositivi Android che stava infestando di spam la rete, potrebbe essere falsa, infatti gli ingegneri di google sostengono che sia un problema esclusivo di Windows.


 Pochi giorni fa vi parlammo di una preoccupante scoperta di Terry Zink, ricercatore di Microsoft, il quale sosteneva di aver scoperto una botnet molto attiva formata da dispositivi Android, la quale  utilizzando i servizi email di yahoo, stava immettendo in rete una grossa mole di spam mail. La risposta di Google però non si è fatta attendere, infatti Big G con un comunicato afferma che le prove esaminate non giustificano la presenza di una botnet Android, ma portano invece  a pensare alla  più probabile possibilità  che gli spammer stiano usando computer infetti per falsificare una firma mobile in modo da aggirare la protezione antispam del sistema di posta.
Infatti la possibilità che sistemi pc si possano fingere dispositivi Android con l’utilizzo di qualche malware, era stata avvallata dallo stesso ricercatore Microsoft, il quale però non si sa per quali fattori ha ritenuto più probabile che si trattasse appunto di una botnet Android.
Sicuramente siamo ancora lontani dall’archiviare definitamente la questione, perché al giorno d’oggi non ci sono prove inconfutabili che sostengano una teoria a discapito dell’altra, però è indiscutibile il fatto che un PC possa fingersi un dispositivo Android , e che Microsoft abbia molti interessi a screditare il sistema operativo di Mountain View.
Non ci resta che attendere che il malware venga definitivamente isolato per comprendere la reale origine di questa botnet, che ha messo in seria difficoltà il sistema email di Yahoo!




Fonte: www.androidiani.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Samsung rilascerà i primi dispositivi con display flessibili nella prima metà del 2013

[Guida Esclusiva] Sbrandizzare Motorola Xoom 2 TIM

Meizu MX4, la recensione