Apple potrebbe abbandonare Intel con i prossimi Mac


Apple potrebbe abbandonare Intel con i prossimi Mac

Apple starebbe considerando, in base a quanto affermato dal Bloomberg, di abbandonare le CPU Intel a favore dei sui chip. Già lo scorso Agosto 2011 si parlava di una migrazione da Inter ad Arm per i futuri Mac e portatili Apple. Le ottime prestazioni fatte registrare dalla famiglia di processori ARM di Apple sui dispositivi mobili della casa di Cupertino, come iPhone 4 e iPad 2, sembravano convincere la società a migrare verso questa architettura ed equipaggiare, quindi, non soltanto smartphone e tablet, ma anche tutti i MacBook (e, probabilmente, anche i Mac desktop) con processori ARM, abbandonando, di fatto, la partnership con Intel.
Torna ora forte il rumor alimentato dall’autorevole Bloomberg che rende concreta questa possibilità grazie alle parole di Bob Mandfield, Senior vice presidente di Apple che ha affermato in un’ intervista che la sua squadra del reparto semiconduttori “ha piani ambiziosi per il prossimo futuro”.
Gli ingegneri Apple sono convinti che i chip utilizzati per i suoi dispositivi mobili saranno presto potenti al punto da essere utilizzati anche nei propri computer desktop e portatili.Apple ha iniziato a collaborare con Intel per i propri Mac nel 2005 abbandonando i PowerPC, a causa di problemi legati al consumo di energia e la limitata disponibilità di processori ad alte prestazioni. Alcuni ingegneri Apple sono convinti che è inevitabile che le caratteristiche dei dispositivi mobili e PC diventino sempre più simili. Questo sarebbe un duro colpo per Intel, il maggiore costruttore al mondo di processori, che è già stato ferito da un mercato stagnante per i computer.
Apple ha recentemente lanciato la sua ultima versione del chip A6 e A6X sulla base di progetti personalizzati. La società ha acquisito un certo numero di imprese di hardware per far decollare la sua esperienza nel design di circuiti integrati come per es chip design PA Semi nel 2008 per $ 278 milioni e più di recente l’ israeliana Anobit Flash.
I dispositivi mobili sono sempre più potenti, il “mondo mobile” e fisso è sempre più correlato e questo passaggio, anche se ovviamente non immediato, appare sempre più probabile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Samsung rilascerà i primi dispositivi con display flessibili nella prima metà del 2013

[Guida Esclusiva] Sbrandizzare Motorola Xoom 2 TIM

Meizu MX4, la recensione