Guerra dei brevetti: Samsung esce sconfitta

Guerra dei brevetti: Samsung ne esce sconfitta 

 



Il verdetto sulla battaglia legale fra Apple e Samsung è arrivato prima del previsto e le notizie non sono proprio buone per Samsung: la giuria ha ordinato all’azienda coreana di pagare ben 1.05 miliardi di dollari per i danni economici causati alla casa di Cupertino.

Se ricordate, inizialmente Apple aveva chiesto ben 2.45 miliardi di dollari in danni, reputati alla fine eccessivi dalla corte. In sostanza Apple non dovrà pagare nulla a Samsung in quanto non avrebbe infranto nessun suo brevetto, mentre la casa coreana ne ha infranti molti, sia tecnici che riguardanti il design.
Se volete approfondire l’argomento e vedere in particolare quali brevetti sono stati violati e le singole domande da parte delle due aziende, vi consigliamo di andare a leggere il live blog effettuato dai ragazzi di The Verge, presenti in aula mentre è stata letta la sentenza.


Attendiamo ora dichiarazioni o contromosse di Samsung, che senza troppi giri di parole ne esce sconfitta, anche se c’è da dire che per un colosso del genere 1 milione di dollari non sono poi così tanti (relativamente). Nulla da dire per quanto riguarda i brevetti sul design dei telefoni e della TouchWiz (che ho sempre detto, sono decisamente “ispirati” allo stile Apple), ma con i giudici che trovano validi brevetti come quello sul pinch to zoom e il tap to zoom, mi sento di dire che l’innovazione è seriamente minacciata e per l’ennesima volta che il sistema dei brevetti americano andrebbe rivisto. Ricordiamo che a breve Apple dovrà affrontare in aula Motorola/Google per 7 brevetti infranti che potrebbero togliere dagli scaffali americani iPhone, iPad e iPod.
[UPDATE]
Ecco la dichiarazione di Samsung riguardante al verdetto:
Il verdetto di oggi non dovrebbe essere visto come una vittoria di Apple. ma come una sconfitta per i consumatori Americani. Porterà una scelta minore, meno innovazione e potenzialmente prezzi maggiori. E’ un peccato che la legge sui brevetti permetta ad una compagnia di avere il monopolio grazie a brevetti riguardanti rettangoli con bordi arrotondati o a tecnologie che vengono migliorate sempre di più grazie a Samsung e altre compagnie. La gente ha il diritto di poter scegliere, e sà che cosa andrà a comprare quando acquisterà un prodotto Samsung. Questa non è la fine di questo caso o delle battaglie legali in tribunali e corti in tutto il mondo, dove in molti casi sono state rifiutate le richieste di Apple. Samsung continuerà a innovare e a offrire una scelta ai consumatori.
Arriva pronta anche la risposta di Apple:
Siamo riconoscenti alla giuria per i loro servizi e per aver investito il loro tempo per ascoltare la nostra storia e siamo contenti di poterla finalmente raccontare. L’enorme numero di prove presentate durante il processo ha mostrato che Samsung ha copiato in un modo in cui non ci potevamo nemmeno immaginare. Le dispute legali fra Apple e Samsung non riguardavano solamente brevetti o soldi, riguardavano dei valori. In Apple, valutiamo originalità e innovazione e dedichiamo le nostre vite a creare i migliori prodotti sulla terra. Creiamo questi prodotti per accontentare i nostri clienti, non per copiare i nostri rivali. Ci complimentiamo con la corte per aver sottolineato il comportamento “testardo” di Samsung, e per aver mandato un messaggio molto chiaro sul fatto che copiare non è giusto.


Fonte: http://www.androidiani.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Samsung rilascerà i primi dispositivi con display flessibili nella prima metà del 2013

[Guida Esclusiva] Sbrandizzare Motorola Xoom 2 TIM

Meizu MX4, la recensione