Nvidia Tegra 4: ecco i dettagli del nuovo processore Quad Core da 28nm con GPU a 72 Core!


Nvidia Tegra 4: ecco i dettagli del nuovo processore Quad Core da 28nm con GPU a 72 Core!



La battaglia nel settore mobile passa necessariamente anche dalle CPU, il motore che di fatto muove tablet e smartphone. Ogni 12 mesi assistiamo ad un salto generazionale e ogni 6 mesi vediamo importanti upgrade. Nvidia da ormai 4 anni ci ha abituati ad un nuovo SoC ogni 12 mesi e dunque, con il Tegra 3 che si avvicina al compimento di 1 anno, ecco arrivare Wayne, ovvero il Tegra 4!
Processi produttivi sempre più raffinati ormai contraddistinguono i nuovi chipset e se il Cortex-A15 e il Krait di Qualcomm ci hanno mostrato novità importanti, ecco che Nvidia si aggiunge alla lista dei produttori pronti a portare su larga scala il processo produttivo a 28nm che, ovviamente, caratterizza il nuovo Tegra 4.
Quello che strabilia, almeno sulla carta, è il processore grafico che può vantare addirittura 72 core!. Si parla di una velocità di 20 volte superiore al Tegra 2 e 6 volte rispetto al Tegra 3. Questi core grafici saranno in grado supportare schermi fino a 2560 x 1600, con uscita video 1080p a 120 Hz e si parla anche di 4K sebbene non venga specificato molto.
A livello di architettura generale Tegra 4 non cambierà la struttura del tegra 3 e avremo sempre un Quad Core con il quinto core Companion a svolgere i compiti minori per una maggior ottimizzazione dei consumi. Notevole novità invece il supporto nativo all’USB 3.0, che di fatto rende il Tegra 4 il primo chip mobile di NVIDIA con tale caratteristica, insieme a memorie a doppio canale DDR3L. Ultimo ma non meno importante il supporto LTE completo.
Non resta che attendere il CES 2013 e il MWC 2013 per scoprire nuovi dettagli e vedere quale sarà il primo device a proporre questa soluzione: LG? Sony? Acer? Magari un nuovo Nexus 7?

Commenti

Post popolari in questo blog

Samsung rilascerà i primi dispositivi con display flessibili nella prima metà del 2013

[Guida Esclusiva] Sbrandizzare Motorola Xoom 2 TIM

Meizu MX4, la recensione