HTC realizzerà il primo smartphone con Tegra 4?


HTC realizzerà il primo smartphone con Tegra 4?

HTC realizzerà il primo smartphone con Tegra 4?
Ogni produttore ha realizzato il proprio potente SoC quad-core e se inizialmente il più richiesto e chiacchierato era il Tegra 3 di Nvidia con il passare del tempo molti altri grandi produttori hanno sfornato ottimi chipset, come i più chiacchierati Qualcomm Snapdragon S4 Pro APQ8064, i nuovi Exynos 4412 e futuri Exynos 5 che arriveranno con Cortex-A15. Ognuno ha la propria alternativa ma non dimentichiamoci del prossimo Tegra 4, il quale potrebbe debuttare su undevice HTC.
Forse il mese di Gennaio sarà il periodo del debutto del Tegra 4 ma ancora Nvidia non si è pronunciata in merito rimanendo molto silenziosa.
Nonostante ancora non ci siano indiscrezioni riguardanti i primi device Android con il nuovoSoC di Nvidia è probabile che quest’ultimo debutti a bordo di un HTC.
Nei suoi ultimi prodotti il colosso taiwanese ha utilizzato il quad-core di Qualcomm ma non dimentichiamoci che i top-gamma One X e One X+ utilizzano un Tegra 3, perciò sarebbe naturale, come ogni grande smartphone che il successore sia proprio con Tegra 4.
Così come il prossimo Exynos 5 quad-core che vedremo a bordo del Galaxy S IV (forse) anche il prossimo SoC di Nvidia sarà realizzato con Cortex-A15, con una potenza doppia rispetto al predecessore e con clock di 1,8 GHz (almeno inizialmente).
Non possiamo escludere che il Tegra 4 faccia il suo debutto a bordo di un tablet, come successo per il predecessore con l’ASUS Transformer Prime. E sarebbe un ottimo punto di partenza per un 2013 roseo se HTC riuscisse a realizzare il primo tablet Android con Tegra 4.
Ovviamente queste sono solamente supposizioni e dovremo attendere ancora alcune settimane per avere maggiori dettagli, magari durante il CES di Las Vegas.

Commenti

Post popolari in questo blog

Samsung rilascerà i primi dispositivi con display flessibili nella prima metà del 2013

[Guida Esclusiva] Sbrandizzare Motorola Xoom 2 TIM

Meizu MX4, la recensione