Da Tokova arrivano i tablet

Da Tokova arrivano i tablet di Soulja Boy

Sicuramente Tokova non è la più grande produttrice di tablet Android, e scommetto che la maggior parte di voi non l’ha mai sentita nominare. La casa produttrice ha stretto un accordo con il rapper Soulja Boy per commercializzare una coppia di tablet esclusivi, ovviamente con il sistema operativo di Big G a bordo.

I tablet griffati Soulja Boy arriveranno in due versioni: la Tiger Shark e la Great White; tutte e due saranno caratterizzate da un esclusivo design con l’immagine e il nome del cantante.
Ecco le specifiche tecniche:
TOKOVA GREAT WHITE
  • Display IPS da 9.5″ con risoluzione di 1024X768
  • OS: Android 4.0 Ice Cream Sandwich
  • Processore da 1.5 GHz /Quad-Core 
  • 2 GB di RAM DDR3
  • Batteria: 6000mAh
  • Memoria interna da 64 GB, espandibile con micro-SD
  • Connettività: GSM 850/900/1800/1900/ UMST/2100
  • Wi-Fi: 802.11 b/g/n
  • Porta micro-USB
  • Porta HDMI
  • Bluetooth
TOKOVA TIGER SHARK
  • Display IPS da 7 pollici con risoluzione di 1024X600
  • OS: Android 4.0 Ice Cream Sandwich
  • Processore single-core 1.2 GHz
  • 1GB di RAM DDR2
  • Batteria da 4500mAh (8 ore di autonomia)
  • Memoria interna da 64 GB, espandibile con micro SD
  • Fotocamera frontale e posteriore
  • Connettività: GSM 850/900/1800/1900/ UMST/2100
  • Wi-Fi: 802.11 b/g/n
  • Bluetooth
  • Radio FM
Per quanto riguarda i prezzi, il modello da 7 pollici costerà 399$ (circa 324€) mentre il fratello maggiore ben 499$ (circa 405€). I due tablet sono già disponibili e per chi fosse interessato possono essere acquistati sul sito ufficiale qui e qui.
Sono disponibili anche le versioni non griffate, mantenendo le stesse caratteristiche ma perdendo il “design esclusivo” del rapper: le trovate qui e qui.
Acquistereste mai uno di questi due tablet? Fateci sapere la vostra nei commenti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Samsung rilascerà i primi dispositivi con display flessibili nella prima metà del 2013

[Guida Esclusiva] Sbrandizzare Motorola Xoom 2 TIM

Meizu MX4, la recensione