Google brevetta un tablet ibrido

Google brevetta un tablet ibrido: primi segnali della convergenza tra Android e Chrome OS?

Un nuovo brevetto ottenuto da Google sta favorendo il proliferare di numerose indiscrezioni riguardo l’avvicinarsi del momento in cui le piattaforme Android e Chrome OS si uniranno: il brevetto riguarda infatti un device ibrido tablet/notebook progettato per operare su più piattaforme.
Il brevetto, depositato nel 2010 e concesso alla casa di Mountain View negli scorsi giorni, copre differenti modi di realizzare un dispositivo ibrido tra tablet e notebook, composto da uno schermo touch e, dalla parte opposta, da una tastiera virtuale e da un pad anch’essi sensibili al tocco. Viene inoltre mostrato come il dispositivo possa passare da una configurazione all’altra con facilità.
Ma la parte più interessante è la seguente:
The computing device could also be configured to operate based on one or more platforms (e.g., one or more similar or different platforms) that could include one or more types of hardware, software, firmware, operating systems and runtime libraries.
Questa dicitura fa sì ovviamente che le ipotesi galoppino: è chiaro a quali sistemi operativi possa far riferimento Google, e si può pensare ad un device in grado, ad esempio, di operare su piattaforma Android se  utilizzato come tablet per poi switchare su Chrome OS in configurazione notebook, in modo da poter sfruttare il sistema migliore a seconda delle necessità.
Un device  “convertibile” dunque non solo dal punto di vista “fisico” ma anche dal lato software.
Ovviamente siamo ancora alle ipotesi e nulla ci garantisce che è questa la strada che Google percorrerà, anche se coerente con quanto pianificato da Big G. Cosa ne pensate di un’eventualità del genere?


Fonte: www.androidiani.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Samsung rilascerà i primi dispositivi con display flessibili nella prima metà del 2013

[Guida Esclusiva] Sbrandizzare Motorola Xoom 2 TIM

GooPhone realizza i5 e promette di citare in giudizio Apple se lancerà l’iPhone 5 in Cina